Calcio Politico
Benvenuto/a visitatore.
Per accedere ad alcune sezioni E PER POTER VISUALIZZARE TUTTI I LINK è necessario effettuare la registrazione al forum.
La invitiamo quindi a registrarsi e, se lo è già, ad effettuare il Log-in.
Buona Navigazione.
Cerca
Accedi

Ho dimenticato la password

Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 45 il Gio Lug 05, 2012 5:58 am
Statistiche
Abbiamo 56 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gina Pallina

I nostri membri hanno inviato un totale di 4040 messaggi in 3642 argomenti
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Parole chiave

Ultimi argomenti
» Aereo caduto: nemmeno un corpo intatto
Ven Mar 27, 2015 10:09 pm Da Antonio

» Clinica,Lubitz non in cura depressione
Ven Mar 27, 2015 10:09 pm Da Antonio

» Esplosione a Manhattan: due dispersi
Ven Mar 27, 2015 10:08 pm Da Antonio

» Bild, Lubitz era in crisi con fidanzata
Ven Mar 27, 2015 10:08 pm Da Antonio

» Lubitz quel giorno era 'in malattia'
Ven Mar 27, 2015 10:08 pm Da Antonio

» Borsa: Wall Street chiude in rialzo
Ven Mar 27, 2015 10:07 pm Da Antonio

» P.A: ritardi fattura digitale
Ven Mar 27, 2015 10:06 pm Da Antonio

» Poletti, Pil è inversione situazione
Ven Mar 27, 2015 10:06 pm Da Antonio

» Bankitalia:Guzzetti, interesse per quote
Ven Mar 27, 2015 10:06 pm Da Antonio

Facebook

Marley

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

In corso Marley

Messaggio Da Antonio il Lun Lug 02, 2012 5:11 pm

La vita, le dichiarazioni, la musica, le donne, i figli, l’impegno e le contraddizioni del più grande e riconosciuto interprete della musica reggae giamaicana. Attraverso le dichiarazioni di quelle che, di momento in momento, sono state le persone a lui più vicine, Bob Marley viene descritto e raccontato da chi lo conosceva con pochissimi ancoraggi all’oggettività di dati, numeri o fatti documentati.
Quella che gira intorno a Bob Marley è una storia priva di misteri ma colma di bugie. Quelle dello stesso cantante (spesso incline a dichiarare ciò che gli era più comodo), quelle delle sue mogli (in lotta l’una con l’altra, vista la tendenza di Rastaman alla poligamia segreta) e quelle dei molti amici d’infanzia e adolescenziali (più inclini al mito che al racconto). Di tutti questi contributi eterogenei Kevin MacDonald fa l’uso migliore: ne trae un dipinto espressionista invece che impressionista. Non usa i singoli puntini per ricostruire una figura grande e precisa, ma ampie pennellate che sfalzano le prospettive e non coincidono necessariamente le une con le altre, ottime per comunicare sensazioni e sentimenti.
Il risultato è il feeling della fine degli anni ‘60 nella baraccopoli di Trench Town o quello degli anni ‘70 a Kingston, del Marley re del mondo del reggae ma anche del Marley fine politico, che accetta di diventare spalla dei Commodores (quando era all’apice della sua fama) per conquistare il mercato del pubblico afroamericano fino a quel momento sembrava indifferente al reggae, o che rifiuta di prendere il colore di uno dei due partiti giamaiacani che tanto lo hanno corteggiato.
Le due ore (piene ma anche lunghe) di Marley dividono il film in due parti distinte. La prima, centrata sulle discussioni con i parenti più anziani (tutti in vita!) e quella galleria di freak rastafariani che erano gli amici d’infanzia, è piena di un umorismo volontario e involontario che spiega più d’ogni altra cosa quale fosse il brodo culturale d’emarginazione in cui è cresciuto Bob Marley. La seconda, più centrata sul decennio di produzione di dischi, piena di dietro le quinte e aneddoti sul Marley ricco e famoso, svela il lato più cinico, egoista e competitivo di un uomo che ha avuto 11 figli da 7 mogli in circa 15 anni e voleva fermamente conquistare qualsiasi mercato discografico.
Per questo MacDonald, anche al netto di un documentario non perfetto, merita stima, perchè di fronte ad una delle più grandi icone di sempre non ha chinato il capo ma con rispetto ha indagato pensando al pubblico e non al protagonista.


_________________


Chi è causa del suo mal pianga sé stesso.
avatar
Antonio
Adminforum
Adminforum

Numero di messaggi : 3552
Data d'iscrizione : 01.09.09
Età : 23
Località : Morciano di Leuca

Vedi il profilo dell'utente http://calciopolitico.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum